Consulenza e-commerce | Sviluppo web
Digital marketing | Graphic design

Li. Ig. Tw.

Sviluppo siti web | Commercio elettronico

/ Consigli / Canali organici in ottica SEO posizionamento naturale

Canali organici in ottica SEO posizionamento naturale

CLASSIFICAZIONE DEI CANALI ORGANICI IN OTTICA SEO

Canali organici: la classificazione

Con una corretta analisi web o web analytics si possono valutare i risultati delle strategie messe in atto su un determinato dominio o sito web, occorre da subito analizzare i KPI, acronimo di Key Performance Indicator, ossia gli indicatori chiave della prestazione detti anche indicatori essenziali della prestazione, sono indici che rappresentano l’andamento di un processo aziendale.

Un primo dato rilevante da analizzare in fase di valutazione del marketing aziendale è il traffico generato da un sito web e la sua provenienza, anche l’identificazione dei canali è aspetto essenziale dell’analisi.

I visitatori di un sito web possono giungere da fonti o sorgenti differenti, il mezzo più usato è sicuramente quello dei motori di ricerca, ma un sito web può attrarre visitatori anche dai social network, da campagne di email marketing e da molte altre sorgenti, tutte le fonti o sorgenti che generano traffico e quindi visualizzazioni su un sito web si definiscono canali di traffico, in questo articolo si esamineranno i canali organici e una prima classificazione dei canali organici in ottica SEO.

Va ricordata a questo punto in cui si sono definiti i canali anche la definizione per noi utile di comunicazione intesa come uno scambio di messaggi attraverso un canale secondo un codice.

Andando nello specifico definisco un codice un insieme di segni con caratteristiche comuni che regolano il funzionamento dei segnali e dei sensi con cui interagiamo e che ci permettono di comunicare, questi concetti di comunicazione, codice e segni hanno stretta pertinenza sui canali precedentemente definiti.

Canali organici e traffico organico

Tutte le visite fatte dagli utenti che raggiungono un sito web a seguito di una ricerca eseguita su un motore di ricerca e che hanno cliccato su uno dei risultati gratuiti presentati dal motore, vengono definite traffico organico, quindi generalizzando sono tutti i click gratuiti, detti anche click organici provenienti dai motori di ricerca quelli che generano traffico organico su un sito web. Aspetto positivo del traffico generato dai canali organici è che rispondendo ad un bisogno reale di ricerca espresso dall’utente, il tasso di conversione dei canali organici è generalmente più elevato rispetto a quello prodotto da altri canali, altro aspetto positivo sul traffico generato dai canali organici riguarda gli effetti positivi della SEO che resteranno nel tempo popolando la SERP dei motori di ricerca.

La classificazione dei canali organici

  • Il canale più conosciuto da tutti gli utenti, è il canale testuale, quello che viene espresso ad esempio dalla SERP (Search Engine Results Pages) di Google in risposta ad una nostra precedente ricerca nel motore.
  • Un altro canale riguarda le immagini, la ricerca da parte del crawler avverrà cercando un qualcosa sia su dei campi testuali specifici delle immagini (title / description) sia su aspetti pertinenti quali ad esempio il copyright, la dimensione o la qualità stessa dell’immagine.
  • Elemento molto popolare è anche quello dei canali video come per le immagini il crawler esaminerà correlazioni tra ricerca effettuata e i dati precedentemente inseriti all’interno del video, l’azione in questo caso può sposarsi oltre il motore di ricerca.
  • Altro canale da tenere in considerazione è quello dei marketplace non sono tutti uguali ed anche la concezione della SEO differisce.
  • Un canale più recente rispetto agli altri è rappresentato dagli assistenti elettronici, sempre più utilizzati per rispondere alle nostre domande, anch’essi interpellano la SERP per risponderci.

Altri canali, diversi dai canali organici che possono essere utilizzati per aumentare il traffico di un sito web sono: il PAID SEARCH, il PAID DISPLAY,  i SOCIAL, il DIRECT, le EMAIL, i REFERRAL.

Ecco spiegato: che cosa è la classificazione dei canali organici in ottica SEO, ti ringrazio per la lettura di questo articolo e ti invito a leggerne altri con contenuti simili a questo inerenti la SEO e le tecniche di ottimizzazione digitale.

Puoi restare aggiornato su tutti i miei nuovi articoli ed i miei video seguendomi su: LinkedIn Instagram Twitter

A presto @

SEO E STRATEGIE DIGITALI